Early off season news

Posted on

Mentre tutta l’attenzione è indirizzata all’imminente NBA Draft 2016, il mercato ha iniziato a generare qualche scintilla che si trasformerà in fuoco a partire dal primo Luglio, primo giorno della Free Agency.

Nei giorni scorsi sono trapelati i primi nomi dei giocatori che hanno rinunciato alla loro Player Option: partiamo da Dwight Howard che ha rifiutato 23.2 milioni di $ – non ci stupisce troppo date le dichiarazioni degli ultimi mesi – poi è il turno di Dirk Nowitzki che non esercita la PO da 8,6 milioni di $ così come i suoi compagni di squadra Deron Williams e Chandler Parsons. Infine Jeremy Lin, in uscita da Charlotte, rinuncia ad una PO da 2,2 milioni di $.

David West, quest’anno agli Spurs, tramite il proprio agente ha fatto trapelare l’ipotesi ritiro; ritiro comunicato ufficialmente da Luke Ridnour che dopo un anno di inattività dice addio al basket giocato.

La notizia di ieri però è lo scambio imbastito e portato a termine tra i Bulls e i Knicks, che porterà l’MVP della stagione 2010-2011 Derrick Rose, Justin Holiday e una seconda scelta a NY, in cambio di Jerian Grant, Calderon e Robin Lopez.

Derrick Rose New York
Derrick Rose a New York (Jonathan Daniel/Getty Images North America)

Poche ore dopo è Jeff Teague a fare i bagagli, direzione Indianapolis, nella trade a 3 che ha visto i Pacers spedire George Hill agli Utah Jazz che a loro volta hanno ceduto la 12 scelta del Draft in programma tra poche ore.

Jeff Teague e George Hill
Jeff Teague e George Hill (Getty Images)

Ah, Lebron ha giurato amore eterno ai Cavs… se a qualcuno interessa.

Mammut

Rispondi

4 thoughts on “Early off season news

  1. Jay vince chicago ma comunque ny non ci straperde come sembrerebbe, derrick ha un anno di contratto e se andasse male lo saluti e hai il cap libero per la prossima freeagency.
    In tutto questo chicago si metterà alla ricerca di un play.. jerry? ?

  2. Come sempre, nei giorni precedenti al draft si muove qualcosa….cosi stanotte non accadrà assolutamente nulla, proprio come per le edizioni più recenti…

    Atlanta in ricostruzione totale, Indiana che cerca di trattenere Paul George, affiancandogli una Pg abituata da anni a fare strada nei playoff.
    Utah si prende Hill ma cede una scelta numero 12, bene ma non benissimo vista la base non esattamente sfavillante.

    Ny va per l’All-in (che ad est significa finale di conference), Rose può rappresentare solo quello, a mio modesto avviso stravince Chicago che invece di perdere a zero un quasi ex come Derrick, si porta a casa l’ottimo prospetto ancora inesploso Jerian, e un centro difensivo e tatticamente intelligente come Robin. Ottima mossa dei Bulls, dunque, che peraltro si sono liberati in un amen di Rose e Gasol. Bingo.

Top