Summer League: Lakers vs Cavs 80-88

Posted on

Dopo quattro giorni di pausa, i Los Angeles Lakers scendono sul parquet per il  primo turno ad eliminazione diretta, nella Summer League 2016. La franchigia giallo-viola ha chiuso il girone prima a punteggio pieno, con tre vittorie in altrettante partite, qualificandosi direttamente all’ottavo di finale con il terzo seed ( per via della differenza canestri). Tutti gli addetti ai lavori si sarebbero aspettati la Boston guidata da uno “straordinario” Jaylen Brown – scelta n 3 del draft – e dotata di un roster zeppo di talenti interessanti, scelti nelle ultime due edizioni del draft ( Rozier su tutti), ma cosi non è stato: nessuno aveva calcolato l’underdog Cleveland, che in una gara punto a punto è riuscita ad eliminare i Celtics. Questo imprevisto accoppiamento doveva quindi rappresentare una semplice formalità per i favoritissimi Lakers, contro la cenerentola del torneo, ma non è andata esattamente così.

 

hi-res-e501d26a34e56d4424adf2d431ce07da_crop_north

 

Dopo un primo quarto sostanzialmente di studio, che le squadre chiudono in partità ( 21-21), inizia il solito D’angelo Russell show, con il talento di Ohio State che detta i tempi offensivi ( più per lui che per gli altri) e con l’aiuto di Zubac e di un sorprendente Munford ( precisissimo da tre punti) scavano il solco, chiudendo il primo tempo con 16 punti di vantaggio.

 

EP-160719654.jpg&maxh=400&maxw=667

 

Tutto facile, dunque? Decisamente no, perché i Cavs rientrano in campo con la voglia di ripetere l’impresa del giorno prima ed iniziano a difendere forte, molto forte, mandando in bambola l’attacco giallo-viola, che si affida ai soli isolamenti di Russell, il quale entra in “ice zone”, ma nell’accezione più negativa possibile. Russell ha talento da vendere, lo sappiamo, ma non ha mai affrontato una squadra che difendesse solo su di lui e questo lo paga, in termini di palle perse ( troppe e stupide) e di scelte offensive deleterie. Spegnendosi lui , crolla anche tutto il resto della squadra, che in attacco non segna praticamente più e in difesa si fa stuprare da un 25enne navigato come Mcrae, autore di 36 punti ( costruiti per la metà della linea della carità, battendo sempre l’avversario dal palleggio e costringendo i lunghi a fare fallo per impedire due punti facili).

 

071516-fso-nba-jordan-mcrae.vadapt.664.high.26

 

Il terzo quarto finisce con un risicato più 2 e con l’inerzia tutta in mano ai rosso “vinaccia” campioni NBA 2016. L’emorragia si espande sempre più, diventando letale, nel quarto ed ultimo periodo. I Lakers sono in confusione totale, sbagliano anche i liberi e i pochi canestri che trovano sono del tutto casuali. Dall’altro lato arriva il momento di Felder ( 20 punti alla fine), che dall’alto del suo metro e 75 (a spingere), porta a scuola D’angelo Rusell, facendolo stampare sui blocchi dei suoi compagni e segnandogli in faccia i canestri che chiudono questa sorprendente partita

getty-images-547465700

 

Il finale 88-80 non lascia spazio a repliche. I Cavs accedono meritatamente ai quarti di finale e i Lakers vanno a casa, con tante domande, ma anche tante belle sensazioni, sui ragazzi che faranno parte del Roster 2016-2017.

 

 

E Ingram? Il golden boy uscito da Duke cresce partita dopo partita, finalmente riesce anche a sbloccarsi da tre punti e si ha la sensazione che possa diventare un uomo da “ultimo tiro” freddo ed affidabile. C’è molto da lavorare e crescere, ma il talento di Duke ha i mezzi per diventare un campione molto prima di quanto si pensi.

Chiudiamo il recap, parlando del “giallo “ Larry Nance jr: a un minuto scarso dalla fine, il ragazzo cade male e si teme il peggio (chi parla di frattura al polso e chi alla mano), ma fortunatamente , dopo esami accurati, i tifosi possono tirare un sospiro di sollievo: la diagnosi parla di semplice distorsione al polso  e la prognosi viene quantificata in un banalissimo Day to Day. Sarebbe stato un danno gravissimo perdere Nance per diverse settimane come si vociferava, il tutto sommato alla beffa di una eliminazione inaspettata. È andata diversamente per fortuna, rimane solo la figuraccia da parte dei media e le loro fonti, che per quasi 24 ore hanno creato un allarmismo decisamente fuori luogo riguardo alle condizioni del figlio del grande Larry.

12aa73c97b4a7c8d77a77777a8f2827f-original

 

Rossi Roberto aka

Roby24mvp

Rispondi

One thought on “Summer League: Lakers vs Cavs 80-88

Top