Game Recap #06 Golden State Warriors @ Los Angeles Lakers 97-117

Posted on

Coach Luke Walton, che sfida per la prima volta la sua ex squadra, può schierare il quintetto titolare grazie al recupero di Timofey Mozgov, che scende in campo con D’Angelo Russell, Nick Young, Luol Deng e Julius Randle. Reduci dalla vittoria interna contro i Thunder, nel back-to-back allo Staples Center i Golden State Warriors scendono in campo con Steph Curry, Klay Thompson, Kevin Durant, Draymond Green e Zaza Pachulia.

Larry Nance Jr. #7, Golden State Warriors at Los Angeles Lakers
Larry Nance Jr. #7, Golden State Warriors at Los Angeles Lakers (Photo by Andrew D. Bernstein/NBAE via Getty Images)

Polveri bagnate per i Warriors che sbagliano sette triple consecutive – due errori per Steph, un airball per Green – mentre D’Angelo Russell dopo averne segnata una, sfrutta il fallo subito per segnare i 3 liberi e lanciare subito sul +8 i gialloviola. Il match prosegue a strappi, con Golden State che attacca maggiormente il ferro e trova i primi punti con Curry, KD e Thompson. Tuttavia i Lakers tengono botta grazie a Loul Deng – che ispira Mozgov e due volte Randle – e ai canestri di Nick Young.

Curry e Randle commettono il secondo fallo personale in occasione dei primi cambi, con gli ingressi di Clarkson, Nance Jr. ed Ingram da una parte e Livingston, Iguodala e West dall’altra. Dopo un airball, bel recupero per Brandon Ingram che lancia la transizione chiusa da Clarkson, il quale poco dopo fallisce un alley-oop dopo l’ennesimo turnover dei Warriors.

Gli uomini di Coach Steve Kerr – nonostante il timeout chiamato in fretta dopo una schiacciata di Randle – continuano a litigare con il canestro, mentre i Lakers pur facendo molta confusione e tirando male dall’arco trovano dei facili lob con Nance Jr. e Black ben imbeccati da Williams. Uno dei peggiori quarti -28% dal campo, 8 palle perse e solo 6 canestri a segno – della storia recente dei Golden State Warriors si conclude con la prima tripla della serata, grazie ad Andre Iguodala che fissa il punteggio sul 24-15 per i padroni di casa.

D'Angelo Russell #1, Golden State Warriors at Los Angeles Lakers
D’Angelo Russell #1, Golden State Warriors at Los Angeles Lakers (Photo by Aaron Poole/NBAE via Getty Images)

Il secondo quarto inizia com’era finito il precedente, con i Lakers che trovano la via del canestro con Tarik Black e Nance Jr., mentre per i Warriors segnano solo Kevin Looney, Livingston e David West fino al rientro di Kevin Durant che prova a ricucire lo strappo fino al clamoroso poster che Larry Nance Jr. regala a West, siglando il +15 come segue:

Altri due canestri di Nance Jr. ben servito da Sweet Lou ed uno sprazzo di Jordan Clarkson – tripla più floater, assist per Williams – costringono Kerr all’ennesimo timeout sul 46-27, mentre la panca lacustre si conferma tra le più produttive – 31 punti a referto al momento – della lega.

Curry continua a litigare con il canestro e commette il terzo fallo su Nick Young che converte il regalo e subito dopo segna la tripla del +14 accendendo lo Staples Center. Dopo quella di Nick, D’Angelo innesca anche Deng dall’arco e solo due magie di Shaun Livingston mantengono gli ospiti in partita, che all’intervallo scrive sul tabellone 65-49.

La faccia di Jack Nicholson la dice lunga sul #Lakeshow a cui sta assistendo: 41 punti nel quarto, 19 assist, presenza a rimbalzo e zero triple – 2/17 di squadra – per gli Splash Brothers.

Brandon Ingram #1, Golden State Warriors at Los Angeles Lakers
Brandon Ingram #1, Golden State Warriors at Los Angeles Lakers (Photo by Aaron Poole/NBAE via Getty Images)

Il secondo tempo inizia nel segno di D’Angelo Russell che, dopo una stoppata di Young su Thompson – sale in cattedra segnando un jumper dal mid-range ed una tripla allo scadere dei 24″ con annesso crossover vs Steph, rubando poi una palla a Klay per un facile alley-oop di Mozgov e fissando con un tiro libero il punteggio sul 73-52.

Golden State prova a rientrare con le prime triple a bersaglio di Klay Thompson e un paio di transizioni Steph to KD che producono un parziale di 16-2 per gli ospiti fino al 75-68. Un jumper di Randle ed una magia dall’arco di DLO, stavolta contro Klay, riportano i Lakers sul +10, prima di una fase del match spezzettata dai fischi e dal nervosismo di Kerr e Draymond Green, al solito guida emotiva per Golden State – che con Durant prova a tenere a contatto i suoi.

Nonostante qualche turnover di troppo e una rivedibile transizione difensiva, la serata pessima al tiro dei Warriors – due errori consecutivi anche per Ian Clark, 5/27 di squadra – ed i canestri di Ingram e Williams limitano il rientro degli ospiti, 28-33 nel 3Q, e garantiscono un vantaggio in doppia cifra: 93-82.

Julius Randle #30, Golden State Warriors at Los Angeles Lakers
Julius Randle #30, Golden State Warriors at Los Angeles Lakers (Photo by Andrew D. Bernstein/NBAE via Getty Images)

L’inizo del quarto finale è torpido fino allo Sweet Lou Show: steal (!) ai danni di Thompson – a sua volta reduce da una difesa egregia su Ingram – conclusa con l’inchiodata (!!) e tripla (!!!) del +13 per Lou Williams che, al contrario di Paganini, si ripete dall’arco all’uscita dell’ennesimo timeout chiamato da Kerr fissando il punteggio sul 101-87.

Il match continua a vivere di sprazzi e sequenze per cui non può mancare quella di Julius Randle che lotta con Green, segna, schiaccia, perde qualche palla, lotta a rimbalzo e pare non temere il confronto fisico contro Money Green. Lo stesso Green ci crede e Steph pare accendersi, ma Lou recupera un altro pallone e serve a Nance Jr. l’assist per la schiacciata del +18 a poco meno di 5 minuti dalla fine.

L’ingresso di JaVale McGee sancisce ufficialmente l’inizio del garbage time e tutti i titolari Warriors si accomodano sul pino quanto mancano ancora più di 4 minuti alla fine. Ingram schiaccia di prepotenza il +20 che resterà tale fino al 117-97 finale con cui i giovani Lakers si impogono contro la corazzata Warriors.

Lou Williams #23 and Julius Rande #30, Golden State Warriors at Los Angeles Lakers
Lou Williams #23 and Julius Rande #30, Golden State Warriors at Los Angeles Lakers (Photo by Lakers.com/NBAE via Getty Images)

Con lo 0/10 dall’arco, Stephen Curry chiude la striscia di 157 match con almeno una tripla a bersaglio che durava da quasi due anni.

Per gli uomini di Walton – bravo nella gestione dei timeout nei momenti chiave della partita – vittoria di prestigio e prestazione da incorniciare con Randle (20+14) e Sweet Lou (20 pts) MVP del match, ottimo il pur ondivago Russell (17+4, 3 triple e 1 TO) mentre Nance Jr. (12+9) e Black (8+5) hanno aiutato Randle nella battaglia sotto le plance (51-40).

Box Score ESPN

La ricostruzione lacustre è finalmente iniziata.

Giovanni Rossi

aka odino

Full Game HL:

Game #06 Preview & Live: Golden State Warriors (4-1) @ Los Angeles Lakers (2-3)

Nella notte italiana 3:30 ? tra Venerdì 5 e Sabato 6 Novembre, i Los Angeles Lakers – di ritorno da un mini road trip di 4 match – ospiteranno i protagonisti delle ultime NBA Finals con Cleveland Cavaliers: i Golden State Warriors di Steph Curry, Klay Thompson, Draymond Green e… Kevin Durant (…).

I Lakers dopo la W nell’opener contro gli Houston Rockets, lontano dallo Staples Center hanno fatto tanta fatica, soprattutto in difesa, contro team più esperti e con ambizioni – più o meno giustificate – di un posto ai Play Offs.

Tuttavia qualcosa di buono, l’attacco con il mix di giovani e veterani non si lascia pregare quando si tratta di tirare e produrre. Come detto, la nota dolente la difesa: insufficiente sui lunghi – tutti i centri avversari hanno banchettato contro l’acerba e sottodimensionata front line lacustre – deficitaria sul pick and roll e nelle rotazioni difensive.

Contro le bocche da fuoco dell’ex team di Coach Luke Walton, quanto visto fin ora non può bastare, soprattutto se dovrebbe mancare Timofej Mozgov a causa della botta rimediata contro gli Atlanta Hawks.

Se il cantiere gialloviola è ancora al getto delle fondamenta, quello dei Golden State Warriors è ancora più complicato poiché gravati dal macigno derivato dalla firma di KD: la vittoria – in carrozza o quasi – dell’anello.

Gli uomini di di Coach Steve Kerr sono costretti a vincere, ma l’impresa non è semplice e scontata come dimostra il clamoroso tonfo contro i San Antonio Spurs – orfani di Tim Duncan – nella prima uscita stagionale. Tuttavia nelle quattro uscite successive, Steph e compagni hanno infilato quattro W in fila, l’ultima proprio questa notte contro gli Oklahoma City Thunder dell’ex gemello di Durant, Russell Westbrook.

Aspettiamoci una partita dal punteggio alto, anche se il pronostico appare inevitabilmente chiuso.

Golden State Warriors (4-1)

4W – 1L | #2 in the Western Conference | #1 in the Pacific Division
Team Stats: PPG 1st | RPG 16th | APG 1st | OPPG 22nd
Team Leaders: Kevin Durant 30.6 PPG | Draymond Green 10.8 RPG | Draymond Green 7.4 APG

Los Angeles Lakers (2-3)

2W – 3L | #10 in the Western Conference | #3 in the Pacific Division
Team Stats: PPG 9st | RPG 22th | APG 26st | OPPG 26th
Team Leaders: D’Angelo Russell 16.6 PPG | Julius Randle 7.2 RPG | D’Angelo Russell 4.8 APG

Nota a margine: ricorrendo i trent’anni dal titolo 1986/87 i Lakers indosseranno una jersey Hardwood Classics per onorare uno dei più forti team di sempre. La prima delle 3 occasioni sarà proprio contro i Golden State Warrios.

Hardwood Classics Nights
Hardwood Classics Nights (Photo by Lakers.com/NBAE via Getty Images)

Vi aspettiamo per seguirla live su back9hours, Facebook e Twitter.

Giovanni Rossi

aka odino

Rispondi

105 thoughts on “Game Recap #06 Golden State Warriors @ Los Angeles Lakers 97-117

  1. Walton si sta confermando un grande coach ha recuperato un ex giocatore come young ed é perfetto x la crescita dei giovani cmq il mio mvp per queste prime partite va a williams lo dico sottovoce ma ha preso lui l’ereditá di kobe

  2. Lou Williams ancora una volta il migliore,ottimi segnali da Ingram che partita dopo partita acquista confidenza nei /dei compagni e rispetto avversario. Sarò poco obiettivo su di lui, ma raramente si è visto un rookie di questa versatilità e intelligenza.Bravissimi gli altri ragazzi,ottimo Young. Oltre allo 0/10 di Steph dall’arco mi piace rimarcare le 19 forzature cui li abbiamo costretti. Grazie ,Luke.

  3. D’angelo in panca perchè il quintetto in campo dominava… non ha rotto la chimica… comunque una rondine non fa primavera.. ma fa piacere finalmente vincere una partita con un top team quando conta

  4. Randle comunque 20 e 14..i suoi numeri li mette sempre.D’Angelo tenuto in panca tutto il quarto periodo,non condivido ma mi basta aver visto Ingram finire la partita alla grandissima.Godo

  5. Manteniamo un +11 poco rassicurante a 12′ dalla fine,ma stiamo lottando eroicamente.Meraviglioso Ingram che sul meno sei si carica la squadra sulle spalle aiutato da un ottimo Lou.Ecco ora servirebbe l’esplosione di qualcuno per crederci davvero..un Lou,un Nick..fantastici i ragazzi

  6. Sono tornati a meno sette,Klay definitivamente in partita,ora sono cazzi.D’Angelo sta giocando alla grande in attacco assieme ad un fantastico Young che da oggi chiamero’ Swaggy D..perderemo ma lottando,speriamo almeno di arrivare in partita nell’ultimo quarto

  7. Decisivo ora il terzo quarto.Loro faranno aggiustamenti e partiranno fortissimo.Serve un miracolo per evitare l’aggancio inevitabile.0/12 Curry e Thompson da tre.Non ricapita manco tra dieci anni

  8. +16 a fine primo tempo…teniamo botta,Luke ha subito rimesso Deng e Ingram per la difesa,poi ci ha pensato Nick con una tripla da nove metri a far venire giu’ lo Staples. E’ lunghissima ma a prescindere dalla sconfitta che arrivera’,stiamo vedendo grandi cose

  9. Rientra Randle,senza Deng,Mozgov e Ingram siamo ridicoli dietro e difatti arrivano 5 layup consecutivi dei Warriors,meno undici,mareggiata in arrivo.La magia pare finita,Curry si e’ incazzato

  10. Black stranamente si sta rendendo utile.Toglierlo ora prima che faccia cazzate.Lou capo della second unit,il tiro da fuori non entra,a noi come a loro.10% per entrambe le squadre….

  11. Incredibile finale di quarto,Lakers clamorosamente avanti di 12,Clarkson palla in mano con l’ultimo tiro,invece di rallentare forza,sbaglia e lascia sei secondi a Golden State,che mette la prima tripla della serata at the buzzer con Iguo.Giocata che cambia la partita,loro irriconoscibili,stanno sbagliando di tutto KD e Klay..+9 Lakers incredibile,peccato davvero per il finale.Clarkson capra rara

  12. Sta per arrivare la scarica di triple,ma dovremo aspettare il secondo quarto.Sarebbe bello vincere il primo quarto..Randle penoso,Deng si e’ ripreso,Ingram 0/2 e un airball

  13. 8-0 nostro da sogno per iniziare,con Russell on fire ma Curry rimette subito a posto le cose.Loro stanno tirando indegnamente da fuori graziandoci a ripetizione,grazie a questo siamo in partita ma durera’ poco. Comunque si vedono cose positive.Male Deng e Randle.KD difende per davvero

Top