Focus On… 36 Threes in last 8 games for #Swaggy3!

Posted on

23 Dicembre 2016, Amway Center di Orlando: 5 punti in 28 minuti di gioco, 2/7 dal campo (1/3 dall’arco).

27 Dicembre 2016, Staples Center di Los Angeles: 4 punti in 23 minuti di gioco, 2/8 dal campo (0/4 dall’arco).

Queste le cifre messe a referto da Nicholas Aaron Young nelle sfide in questione; numeri in linea con le previsioni della maggior parte degli addetti ai lavori sulle prestazioni che il #0 gialloviola avrebbe offerto, durante questa stagione. In molti, in off season, hanno tifato per la trade o addirittura per il taglio della guardia trentunenne, reduce – cifre alla mano – dalla peggiore stagione in carriera.

FG3M for Last 8 Games Young, Nick during the 2016-17 Regular Season

Ed invece, smentendo quasi tutte le funeree aspettative, Nick #Swaggy3 Young sta disputando una regular season positiva, solida e matura, una delle migliori se non la migliore, tra le dieci al suo attivo tra i professionisti. E le partite sopracitate, altro non sono che piccoli passi falsi di un percorso che altrimenti sarebbe stato stellare: nelle ultime otto gare disputate, l’ex Trojan sta viaggiando a 18.4 punti in poco più di trenta minuti a partita, con l’eccezionale 56.3% dall’arco, frutto di 36 canestri su 64 tentativi.

Con l’incredibile serie – iniziata in casa dei Campioni NBA, 8/14 – Nick ha stabilito il nuovo record di franchigia per numero di triple a bersaglio in otto partite consecutive. Numeri che sorprendono fino ad un certo punto, visto che nelle prime 30 partite disputate, Young ha realizzato 90 delle 203 triple tentate, ovvero il 44.3%, e sta viaggiando alla sua seconda miglior media punti in carriera, 14.2.

Con tali numeri, Bean Burrito potrebbe attentare al record di triple – 183 – messe a segno da un Laker in una singola stagione, di proprietà dell’indimenticato Nick Van Exel nel 1994/95. Inoltre Nick potrebbe issarsi – al momento è nono – al quinto posto, alle spalle di Eddie Jones, nella classifica all time lacustre.

(J Alexander Diaz/Lakers.com)

Se le capacità balistiche di Young non sono certo una sorpresa, l’integrazione nel gruppo – si vedano le dichiarazioni post sconfitta interna con Dallas – e l’applicazione difensiva rappresentano uno dei capolavori, oggetto di prossimo approfondimento, di Coach Luke Walton.

Questo è il momento della celebrazione. Welcome back Nick!

Giovanni Rossi

aka odino

Rispondi

10 thoughts on “Focus On… 36 Threes in last 8 games for #Swaggy3!

    1. Una rarità, di solito il profeta in patria si sfracella contro pressione e critica, a Los Angeles più feroce che altrove. Dopo 4 stagioni, possiamo affermare che Nick la sfida l’abbia vinta, disputando la prima ed ultima a livelli eccellenti (se manterrà il rendimento da qui a fine anno). Le difficoltà “centrali” della sua esperienza, sono state dovute allo scarso amore con Byron, alla presenza di Kobe (guarda caso mancava proprio il primo anno) e alla scarsezza dei compagni.
      Dai tempi delle gang, delle difficoltà ai Wizards, passando per la storiaccia con D’angelo e la Azalea protagonisti, direi che Swaggy P potrebbe diventare uno dei pochi angeleni ad avercela fatta ad L.A.
      E se ce la fai ad L.A….ah no, forse sto confondendo metropoli americana…XD

Top