La-La News: the young core is untouchable

Posted on

I Los Angeles Lakers 2016/17 hanno pochissimi punti di forza, ma una cosa è certa: i tre giovani terribili (Randle, Russell, Ingram) sono incedibili anche a fronte di offerte irrinunciabili. Coach Luke Walton sta costruendo un sistema basato su di loro e se pur con risultati alterni Julius, D-Lo e Brandon stanno iniziando a rispondere con prestazioni positive, a cui si spera seguirà una crescita ulteriore negli anni a venire.

According to league sources, the Lakers have not included any of the three into trade discussions, and do not figure to change that.

Julius Randle, Brandon Ingram and D'Angelo Russell
Julius Randle, Brandon Ingram and D’Angelo Russell (NBAE via Getty Images)

Sembrano solide anche le posizioni di Larry Nance Jr e Jordan Clarkson che non sono nella lista degli intoccabili, ma hanno la fiducia dell’allenatore e del front office, che quindi se ne priverebbe solo per offerte folli.

They’re unlikely to consider moves involving their two other young role players, Jordan Clarkson and Larry Nance Jr., who figure to be key parts of the rotation in the near future.

L’idea è dunque chiara, costruire sui giovani migliorando la squadra con giocatori sempre più funzionali al sistema. La strada da percorrere è lunga, ma questa volta potrebbe essere quella giusta.

Roby

Rispondi

7 thoughts on “La-La News: the young core is untouchable

  1. Indiscrezioni che lasciano il tempo che trovano. Ingram e forse Russell esclusi, dipende solamente da qual’è l’offerta dall’altro capo del telefono. Per un giocatore normale, i giovani non si toccano, ma dovesse essere alta la posta in palio (non immagino chi farebbe la pazzia, nel caso) quasi tutti possono diventare cedibili.
    Senza andare fino a George o lo stesso, molto meno aleatorio Butler, vorrei vedere se ci fosse la possibilità di mettere le mani su gente che produce punti e difende.
    Da noi non lo fa nessuno, eccetto Ingram e Nance, tra gli under 30. Una Boston ti offre – per assurdo, gli affari tra noi e Celtics non si fanno mai – uno tra Bradley, Smart o Crowder…..chi non metti sul tavolo? Ingram. Forse Russell….per il resto porti i celtici a fare shopping nello spogliatoio, lasci decidere a loro, chi come e quando. Questa è la verità.

  2. per me randle e clarkson a fronte di offerte adeguate possono partire, purtroppo anche se talentuosi dimostrano una mancanza di QI cestistico e non solo che dubito verrà mai colmata, durante la partita con portland ho finito i santi del calendario a causa della capraggine di julius… che lo cresca pure qualcun’altro

Top