La-La News: Jerry West, Timofey Mozgov & Luol Deng, Tarik Black

Posted on

Jerry West

Qualche giorno dopo il ritorno ai Los Angeles Lakers di Magic Johnson come Advisor di Jeanie Buss e gli altri co-owner, Mark Heisler su The Orange County Register proponeva…

“Of course, if the Lakers are all coming home, there’s one more they need to enlist, if he’s enlistable.

Jerry West.”

…il rientro di Jerry West come passo seguente. A dare maggiore consistenza a quella che era una semplice ipotesi è stato il podcast di Tim Kawakami durante il quale è intervenuto il co-owner dei Golden State Warriors Joe Lacob, il quale ha dichiarato che il contratto di Mr. Logo – in scadenza – non è stato oggetto di discussioni..

“We don’t do everybody all at the same time necessarily. We do things when they need to be done. Every situation is different. Jerry, he’s approaching 80 years old, depends on what he wants to do, quite frankly. I don’t really know what he wants to do.

We haven’t had a chance to sit down and talk and we’re going to do that. We’re going to do something that works for him and works for us.”

…ma c’è tutto l’interesse nel farlo ed accontentare, se possibile, le richieste di West. Kawakami inoltre riporta che…

“Multiple sources indicated to me that West might be intrigued by an offer from the Lakers, but he also feels very connected to the Warriors’ quest for championships.”

…pur essendo intrigato dall’ipotesi, al momento Jerry è focalizzato sulla stagione in corso e conclude riportando un passaggio di una breve intervista rilasciatagli dallo stesso Jerry ad inizio anno:

“It’s a non-story, as far as I’m concerned, because the story should be about that team and trying to get to another level, which I think they can do.”

Al momento solo ipotesi, la realtà è che Ryan West al momento ricopre il ruolo di Direct of Player Personnel lacustre, anche se una sua candidatura alla sostituzione del GM Mitch Kupchak è stata avanzata da diversi addetti ai lavori.

In tal caso il ruolo del padre Jerry, dunque, sarebbe soprattutto quello di mentore.

Timofey Mozgov & Luol Deng

Nella vittoria del Madison Square Garden, Luol Deng è stato impiegato per 24 minuti, mentre Timofey Mozgov ha collezionato il primo DNP della stagione. Per coach Luke Walton non deve essere stato semplice panchinare 136 (…) milioni di dollari, ma lo sviluppo dei giovani implica scelte coraggiose.

Il russo – a cui è stato preferito Black nello starting five – nel post gara…

https://twitter.com/taniaganguli/status/828804425212891137/photo/1

…è apparso sorpreso dalla decisione del coach, salvo poi commentare – come riportato da Bill Oram – con la classica dichiarazione di circostanza…

“I’m going to be professional, no matter what. It’s coach’s decision, I can’t change it, I’ve still got to be ready to play. So, simple.”

…cui sono seguite le confortanti, per il centro, parole…

“It’s tough, because (Mozgov) wasn’t playing bad. It’s just we weren’t winning and we’ve got 20-something games left. He was doing what we were asking of him.”

…di Walton che probabilmente ha capito…

“It just felt like we had to try to do something to either start winning games, or, at least, make the roles bigger of these young guys and let them have that pressure and that responsibility this late into the season.”

…in ritardo il potenziale di chi aveva a roster, 19enni croati in primis. Mozzy non può…

“I’ve just got to work a little bit more with Zu, on myself and on Zu’s skills”

…che prenderne atto. Più diretto il britannico-sudsudanese – che ha giocato 24 minuti dalla panca, cedendo il posto a Brandon Ingram – …

…dalla cui serenità traspare il perché di una remunerazione così gratificante.

Tarik Black

In gruppo di neomaggiorenni, il poco più che venticinquenne Tarik Black è quello meno reclamizzato tra i membri dello young core lacustre, eppure è uno di quelli dal rapporto rendimento / aspettative più elevato, soprattutto nella propria metà campo.

Game #20 Los Angeles Lakers @ Chicago Bulls 96-90: Tarik Black #28
Game #20 Los Angeles Lakers @ Chicago Bulls 96-90: Tarik Black #28 (Lakers.com/NBAE via Getty Images)

Il DefRtg di squadra è 110.1, -6.3 di  è NetRtg. Quello di Boom Boom è 104.3, il migliore, oltre ad essere l’unico con saldo positivo: 1.6.  Per la cronaca il NetRtg di Randle è -7.7, quello di Mozgov -9.6.

L’undrafted del Tennessee ha avuto modo di farsi apprezzare da Walton sin dai tempi del college, per cui – come riportato da del LA Times – il figlio di Bill…

“From watching film on him I wanted him here. Obviously where we were coming in…  the other players were more of a top priority, but I definitely wanted him on the team because I knew the type of guy he was and how he worked.”

“He’s been our best defensive player. Guarding the pick and rolls, talking, covering up people’s mistakes. Things that Larry does really well for us. When Larry was out with his injury, Tarik really stepped up and cemented himself as our best defensive player. It’s tough to take him out when he’s doing that.”

…non ha avuto dubbi nel benedire la riconferma di Black, che apprezza e ricambia…

“This opportunity means a lot to me. It’s a testament to Coach Luke and his trust in me and his belief in me. It means a lot, especially for my confidence. … I’ve been here two and a half years. I’ve put in a lot of work in this purple and gold uniform. Now it’s blood, sweat and tears in it. It meant a lot for me to go to the NBA, but this organization is personal now.”

…la stima. Tarik pur essendo giovane, dovendosi creare uno status nella Lega non si è risparmiato in palestra – dalla lunetta è passato dal disastroso 42% ad oltre il 71% – faticando per emergere in un ruolo piuttosto affollato.

Il lavoro paga e coach Luke pare alla lunga riconoscerlo, per cui quando a New York è stata varata la linea verde, la conferma in quintetto di Black ha realmente sorpreso solo il russo.

Rispondi

6 thoughts on “La-La News: Jerry West, Timofey Mozgov & Luol Deng, Tarik Black

  1. Bella lettura su Black, Odino. Troppi dimenticano il suo rendimento negli ultimi due anni e la sua età. i 6 milioni concessi al ragazzo, si stanno rivelando il miglior affare dell’ultima estate…rinnovo di Huertas compreso.

    1. Il rammarico enorme è che visto il buon rendimento di Tarik e Zubac sono sempre quei sessantaquattromilionididollariinquattrosenzaopzioni (64.000.000,00 $) dati al russo.

    1. Suvvia, non scherziamo, George. Il fallimento totale della stagione e lo sconfessare, da parte di Walton, dell’intero mercato free agent portato avanti da Somitch, sono due indizi che fanno una prova. Il terzo, l’assunzione di Magic, è cassazione. Nessuno è cosi stupido da subentrare in società e mantenere al loro posto i dirigenti in essere, talvolta anche quando stanno facendo bene. Figuriamoci quando sono pippe insultati e criticati da tutti.

      Kupchack è un dead man (si fa per dire) walking, il dubbio è solo se verrà licenziato a breve, subito dopo la fine della stagione o a metà Maggio. Di sicuro non sopravvivrà alla free agency di luglio, al 99% sarà fuori entro il draft e al 70-80 non presenzierà neppure alla lottery. Il tempo è finito.

Top