Lou Williams traded to the Houston Rockets

Posted on

Dopo giorni di rumor, si è concretizzata la cessione di Lou Williams, ceduto agli Houston Rockets in cambio di Corey Brewer ad una prima scelta non protetta del prossimo Draft, da tutti descritto come uno dei più profondi degli ultimi anni.

Brewer ha contratto simile a Sweet Lou – 7.6 milioni contro 7, in scadenza nel 2018 – ma caratteristiche tecniche opposte, essendo meno scorer ma più difensore. Inoltre Corey si aggiunge ad Ingram e Deng nel reparto ali, non è escluso dunque un suo taglio.

La partenza di Williams – 18.6 punti a partita – diminuisce la concorrenza nel backcourt lacustre ed aumenta le responsabilità di D’Angelo Russell e Jordan Clarkson, chiamati a sopperire alla produzione ed all’impatto che Lou garantiva.

In bocca al lupo dunque ad un atleta, che avrebbe sicuramente fatto comodo in altri momenti storici, sulla cui professionalità ed abnegazione alla causa lacustre si è sempre potuto contare.

Rispondi

25 thoughts on “Lou Williams traded to the Houston Rockets

  1. Grazie lou unica gioia in questi due anni quasi sempre il migliore se ne va nella sua migliore stagione in carriera per punti e percentuale da 3. Arriva brewer nella sua peggiore stagione invece… Lonzo ti marchiamo stretto

  2. A me spiace se ne sia andato, perchè lo reputavo il più spettacolare della squadra assieme a Young. In merito al suo modo di giocare è un cecchino, un tiratore, per cui raramente questo tipo di giocatori sono buoni passatori e difensori. Nei Lakers atttuali era l’unico che faceva canestro con continuità, adesso, se l’organico resta questo, sono scoppole sopra i 20 di scarto dalla mattina alla sera senza interruzione di continuità. Perdevamo prima, a volte di poco, adesso continuiamo sempre a perdere, ma non più di poco. In merito alla sua difesa lì nessuno difende, però accetto più questo atteggiamento da uno che almeno l’apporto in attacco lo da (anche se a suo modo e non passando mai una palla neanche per sbaglio) e che ha una carriera alle spalle, rispetto ad altri che dovrebbero sputar sangue per affermarsi e invece non lo fanno. Lou per me o lo ami o lo odi, se pretendi da lui visuale di gioco e difesa non devi prenderlo, perché non sono le sue caratteristiche; in questa situazione ormai serviva a poco tolto, ripeto, a limare lo scarto di punti nelle sconfitte. Secondo me per lui Houston non è la destinazione giusta, ci sono già alcuni cecchini micidiali, l’avrei visto meglio sicuramente in una squadra dove entrava da sesto uomo al posto di una guardia dalle caratteristiche diametralmente opposto, quindi una guardia ruvida, votata alla difesa e di basso impatto offensivo, l’avrei visto sicuramente strabene a Utah e Memphis, oltre che a New Orleans e Philadelphia.

  3. @Roby24mvp: vai a zappare la terra con le tue finte news per sputtanare Lou,da italiano medio.Rinchiuditi,leggerti è una vergogna.Per mesi e anche in questi giorni hai scritto che nessuna squadra di sistema lo voleva.Poi di fronte alle tante offerte parlavi di contratto appetibile.Insomma hai collezionato solo figure di merda.Ora che se n’è andato portandoci pure una prima scelta facci il piacere.Chiudi quel cesso

  4. Bene, finito il momento buonismo andiamo alle cose reali, ottimo ragazzo? sicuri? L’atteggiamento contro Russell dopo il caso Azelea è sotto gli occhi di tutti, prese le parti di nick che è guardacaso l’unico che l’ha salutato sui social, invece di tenere una posizione equidistante come doveva fare considerando che russell è solo un bambino e che le stupidate a quell’età si fanno. Quindi ottimo ragazzo anche no, ottimo professinista questo si indiscutibile ma a che pro se poi quando sei in campo sei un isolamento dietro l’altro? Se fermi la palla e non esegui e se non difendi un possesso? Ora capisco benissimo che il suo ruolo è quello di sesto uomo che non gioca mai i quarti quarti e che con noi era costretto a farlo, ma anche li forse poteva coinvolgere di più i giovani per una crescita migliore. Quante volte abbiamo visto i finali con D’angelo protagonista con Lou in campo? pensateci bene, pochissime volte ricordo la partita in casa con Denver a memoria e nulla più. Abbiamo perso un giocatore per noi inutile e dannoso e lo ribadisco con forza. Se D’Angelo esploderà offensivamente ( perchè in difesa non lo farà mai) adesso sarà solo per questo motivo, ora manca quell’altro imbecille, speriamo che qualcuno raccatti la spazzatura tra oggi e domani ma dubito accadrà. Per quanto concerne Brewer per me non ci sono dubbi lui giocherà la second unit sarà Huertas Clarkson Brewer Deng e Nance, con zubac che verrà limitato come minutaggio. Poi vediamo se oggi succede altro ma non credo

    1. Sotto gli occhi di chi?Solo sotto la tua lente d’ingrandimento.Nessuno in Usa ha parlato di questo.Di fronte alla situazione con Russell chiunque si è schierato con Young,ora secondo te doveva rimanere equidistante?
      Sei ridicolo,patetico e falso.Lou non difendeva un possesso?Invece Randle,Clarkson,Russell e prima ancora Kobe difendevano?Datti al cricket,sei affidabile quanto Minzolini e finto come Vespa.
      Ammazzati

    2. Basta roby che non ti piaccia come giocatore è lecito, ma non inventarti storie altrimenti non ti segue più nessuno..
      Ricordo male o Russell venne accolto da un bordata di buuuuu e fischi la partita seguente l’uscita della notizia della Azalea?
      Quindi a Los Angles sono tutti rincoglioniti seguendo il tuo ragionamento e Russell è un povero incompreso…
      Secondo me è meglio smetterla di scrivere del falso su Lou, non ti piace bon.

  5. Grazie per questi due anni a Lou, sempre o quasi sempre uno dei migliori per rendimento…..ma parliamoci chiaro, mossa azzeccatissima e perfetta del nuovo front office. Scarichi un giocatore di cui avevi doppioni in rosa, con contratto in scadenza tra un anno e ti prendi una 26-27, da aggiungere alla 36-37 già in nostro possesso.
    Lottery o non lottery, potremo dire la nostra nel prossimo draft – ci sono giocatori che non verranno chiamati prima più che interessanti -, era quello che volevamo ottenere da Lou.
    In più, arriva Brewer che con tutti i suoi difetti è un difensore, un’ala piccola – non ne abbiamo a roster, a parte Ingram che deve formarsi fisicamente – e non ingombra offensivamente, o penetra e scarica o tira dall’angolo.

    Per quanto mi riguarda applausi a Pelinka-Magic e in bocca al lupo sincero a Lou, che a Houston potrà ritagliarsi un ruolo importante dalla panchina, in una squadra destinata a far strada anche nei playoff.
    Tutti contenti, tutti felici e voltiamo pagina.

  6. Se non ci fosse Deng, Brewer sarebbe stato un ottimo innesto, ora resta da vedere come Luke gestirà le rotazioni, se Corey rimarrà. Pare che aver fatto pendere la bilancia sull’offerta Rockets – oltre che Pelinka – sia stata la scelta non protetta, cosa che Jazz e Wizards non avrebbero fatto. Inoltre avrebbero ceduto comunque degli esterni, seppure giovani, come Burke ed Exum.

    1. Dubito che avremmo potuto prendere Burke e per Exum, grazie al cielo non è successo. Più lo vedo giocare e lo vedo infortunarsi spesso, più voglio stargli alla larga.
      Burke per certi versi mi convinceva, ma Washington non l’avrebbe mollato per una scelta non protetta, quindi fine della storia.

  7. Purtroppo non sono bene al corrente di come funzionano le scelte, mi interessa più il basket giocato. Brewer non sa giocare, l’ho visto diverse volte sia a Denver che a Houston ed è un incapace per giunta con poca intelligenza cestistica. Presumo sia stato preso per poi essere tagliato, scaricare Williams e riuscire ad arrivare a questa scelta.

    1. Luca, ok sull’intelligenza cestistica, ma quanto all’incapace, ti devi essere perso quasi tutte le sue partite in carriera contro i Lakers – classico stronzo che con noi gioca la partita della vita, quasi sempre o spesso – ed i playoff del 2015, dove da metà serie coi Clippers fino alle finali di conference fu redditizio e più decisivo di Harden.
      Che non sia un fulmine di guerra ci sta, che sia tutto questa schifezza no, permettimi di non condividere.

      1. Io l’ho visto più a Denver che a Houston, al massimo un paio di volte quest’anno e mi sembrava un pesce fuor d’acqua. Unica dote che mi ricordo è la fulmineità in contropiede, ma per fare contropiede devi mettere pressione in difesa e recuperare palloni (e non è il nostro caso) oppure facili rimbalzi con fulminea apertura (e neanche qui mi sembra di vedere i Lakers). Al di la mi ricordo una mano veramente quadrata e un giocatore assolutamente disordinato. Personalmente non lo avrei preso assolutamente in considerazione perché non saprei cosa farci in questo contesto qui, lo reputo scarso. Io se fosse possibile (ma non so) lo taglierei immediatamente. Poi non metto becco nel discorso della scelta come contropartita perché non ci capisco un’acca. Probabilmente (spero9 ci avranno ragionato sopra e forse aver fatto la scelta giusta.

  8. Potevamo avere di più? di meno? boh non lo so ora abbiamo il paracadute qualora la lotteria andasse male ed era quello che volevamo, alla 27 possiamo prendere ancora dei buoni giocatori basta saperli scegliere

Top